In Hall Of Fame

Bruno Munari (Milano, 24 ottobre 1907 – Milano, 29 settembre 1998) è stato uno dei più famosi protagonisti dell’arte, del design e della grafica del XX secolo grazie ai contributi rilevanti che ha lasciato nei campi dell’espressione visiva e non visiva della creatività: la sua valenza pedagogica l’ha condotto a insegnare a “fare creatività” , indipendentemente dai modelli teorici di riferimento.
Il suo contributo empirico, tratto unicamente dalla sua esperienza, illustra come si genera la produzione di un’opera d’arte creativa  con elementi solitamente trascurati dagli altri approcci, come la fantasia e l’immaginazione.

Per la realizzazione del prodotto creativo è necessario, secondo Munari, raccogliere le informazioni, gli stimoli e gli elementi attraverso l’esplorazione del mondo esterno e l’ elaborazione  da parte dell’intelligenza.  Quest’ultima è in grado di analizzare, valutare, comprendere e selezionare gli elementi grazie alla stimolazione dei sensi e dei recettori sensoriali.

La memoria, messa in gioco nel passaggio successivo, consente di confrontare le informazioni del mondo esterno con quelle già immagazzinate durante il percorso di vita da parte della persona. A questo punto entrano in azione i tre elementi che permettono l’avvio al processo innovativo:

  • l’invenzione, la dimensione funzionale del processo creativo,  è utile per finalizzare il lavoro ad una realizzazione;
  • la fantasia, la caratteristica maggiormente libera, costituisce l’innesco del processo creativo vincendo i paradigmi consolidati;
  • la creatività, che rappresenta ,in modo globale, l’uso dell’invenzione e della fantasia, tiene in considerazione molteplici aspetti ( economici, sociali, estetici, ecc.) per soddisfare un bisogno adottando una visione globale del problema.

Il ruolo dell’immaginazione rappresenta il punto d’arrivo tra l’elaborazione e processi mentali con la definizione concreta del prodotto creativo come ha espresso Munari, “l’immaginazione non è creatività di per sé ma qualcosa che appartiene al campo percettivo della persona; serve  a visualizzare in modo concreto ciò che invenzione, fantasia e creatività hanno pensato”.

 

 

Recent Posts

Start typing and press Enter to search