In Digital Life

IL CONTENUTO REGNA SOVRANO

“Content is king”, recita una ben nota formula che tutti gli esperti di marketing conoscono. Nell’era del World Wide Web, ovvero nel marasma di informazioni sparse nell’etere digitale, non riusciamo più a capire cosa si intenda per contenuto. Letteralmente, indica qualcosa che è incluso, compreso in un insieme più vasto, ma il fatto è che sempre più spesso conta il contenitore, la confezione, rispetto al messaggio. Nel contesto dispersivo del web, è difficile distinguere le stratificazioni di significato che il contenuto racchiude dentro di sé, difficile decodificarne il messaggio ultimo e indirizzarlo nel modo corretto agli utenti. Difficile, ma non impossibile: per questo esiste il content marketing.Tutti ne parlano, ma ben pochi hanno capito come applicarlo. Di cosa si tratta?

STRATEGIE DI CONTENT MARKETING

Il content marketing è una metodologia per promuovere i servizi di un’azienda o figura professionale, che si rivolge a un determinato target di destinatari e si basa sulla creazione di contenuti di valore che possano stimolare interesse o engagement al fine di acquisire maggiori clienti. Insomma, una strategia furbetta per far passare il messaggio di un brand senza annoiare gli utenti, un modo per dire “ehi guardate sono interessante” senza farsi direttamente pubblicità.

Come pianificare una strategia efficace? Non esiste una ricetta valida o riconosciuta universalmente per far sì che la nostra strategia di content sia effettivamente convertibile in una maggiore visibilità e credibilità sul mercato; ogni settore ha infatti le sue peculiarità e il suo metodo di produrre contenuti.

content-marketing

LA QUALITÁ È IMPORTANTE

L’importante è aver capito che puntare sulla qualità paga. Sempre più diffusamente, infatti, stanno sorgendo le figure dei content leader, capitani che guidano le leadership dei contenuti digitali che si ergono a difensori del buon, anzi ottimo contenuto. Come un’Accademia della Crusca digitale, questi puristi del content incentivano il loro team di content writer alla creazione di contenuti che diano un effettivo valore aggiunto al lettore che ne fruisce. Questi difensori della buona scrittura si battono, inoltre, contro la banalità dell’esposizione: è sinonimo di mediocrità, annoia il lettore, rischia di far passare in secondo piano contenuti interessanti; nella scrittura online non deve mancare, infatti, la filigrana che riconduce all’autore.

IDENTIKIT DEL CONTENT LEADER

Quali sono i tratti principali che contraddistinguono questi content leader? In primo luogo la passione, la spinta creatrice che spinge all’azione sia i writers dilettanti che quelli professionisti. I migliori content leader sono buoni scrittori ed editori, fervidi appassionati di design e videomaking: un content leader simile si propone di raccontare una storia avvincente declinandola attraverso i più disparati strumenti di comunicazione (news, video, e-books, infografiche, foto, articoli). La mission che questa figura si pone insomma, è quella di creare contenuti accattivanti al fine di convertire l’interesse della sua audience digitale in possibili clienti.

In secondo luogo, il content leader deve porsi come un creativo-strategico, ovvero non basta saper fare disegnini e grafiche di bell’aspetto se dietro non c’è uno studio e una pianificazione degli obbiettivi che si vogliono raggiungere. In particolare, è opportuno focalizzarsi sul proprio target e essere in grado di rispondere al quesito: a chi ci rivolgiamo? Risolto questo dubbio amletico, il content leader provvederà a definire la nicchia di utenti a cui vuole rivolgersi, creando e indirizzando ad essa contenuti di valore specifici, finalizzati a risolvere i problemi di quest’ultimi. Conoscendo la domanda e l’offerta del mercato, un bravo content writer dovrebbe creare un contenuto con queste caratteristiche: unico, ovvero con informazioni difficili da reperire altrove, rilevante per il pubblico e per i motori, quindi definito intorno a un argomento specifico, e utile, ovvero capace di soddisfare l’esigenza del pubblico.

LASCIATI ISPIRARE

Terzo e ultimo punto: un content leader non deve smettere mai di esperire, innovare, avere una mente ricettiva, in grado di assorbire sempre nuove competenze in campo di marketing. Il web è un flusso in continuo mutamento: ciò che ha funzionato bene ieri potrebbe non funzionare bene domani, quindi bisogna continuare a sperimentare, arricchendosi attraverso collaborazioni costanti con professionisti del settore o affidandosi ai consigli di forum e community. L’ispirazione è ovunque e scaturisce dalle piccole cose, da una pagina del Wall Street Journal, ad un tweet, fino ad un volantino affisso in una bacheca; ogni cosa che ci passa sotto gli occhi è un serbatoio di informazioni interessanti. L’importante è avere la facoltà di discernere ciò che è spazzatura da ciò che non lo è, consapevoli che il web non è che il riflesso distorto di ciò che siamo, e che dopo aver scavato dietro le sovrastrutture che esso crea, non rimangono altro che le persone e le relazioni che esse instaurano l’una con l’altra.

Recent Posts

Start typing and press Enter to search