In Hall Of Fame, Marketing

E così, mi è tornata la voglia di comprarmi un paio di Nike. Magari delle Air Max, per festeggiare.

Quando l’advertising diventa coraggio, e il suo messaggio è più importante del prodotto da vendere, è una gioia, non solo creativa. Da un lato l’azienda prende posizione e si schiera, senza temere ritorsioni, perdite di clienti o cali in borsa, che pure in parte si sono verificati. Dall’altro si comunica al mondo con forza un messaggio di pace, e di futuro. Positivo. Senza paura.

Il mondo è più grande di Trump e dei suoi elettori. E nemmeno il Presidente USA può competere con miliardi di consumatori, che in questo caso Nike ci ricorda essere prima di tutto persone, con dei sogni da realizzare, delle speranze in cui credere, delle battaglie da combattere. Sempre, nonostante il risultato. Nonostante tutto. Oltre i limiti, per vincere, alla fine. Anche se si perde.

La campagna per i 30 anni di Just Do It è fortissima, sia da un punto di vista commerciale, che creativo e sociale. E non c’è solo il volto di Colin Kaepernick. Guardate anche il video di Serena Williams, qui. Wow.

E oggi, che la politica è ovunque sottomessa al mercato, è strano ma in un qualche modo entusiasmante che il mercato stesso espliciti pubblicamente il suo potere, e lo usi per andare contro politiche razziste, reazionarie e violente. In cammino verso un mondo migliore. Il tuo. Magari con ai piedi un paio di Nike…

Just do it: Dream Crazy.

Recent Posts

Start typing and press Enter to search