In Modus operandi

“Per me i colori sono degli esseri viventi,

degli individui molto evoluti che si integrano con noi e con tutto il mondo.

I colori sono i veri abitanti dello spazio.”

Yves Klein

Il colore, per chi comunica, ha un valore da tenere in grande considerazione perchè interagisce con le emozioni, la psiche e lo stato d’animo dell’utenza.

Esistono considerevoli ambiti di ricerca attorno a questo tema in cui, tra i più noti esperti, possiamo citare: J.W. Von Goethe tra i letterati, Newton nelle scienze, C. Widman tra gli psicologi, M. Pastoureau nell’antropologia, J.Ittens tra i designer e M. Brusatin tra i critici d’arte contemporanei. Tutti hanno in comune lo stesso principio, espresso dalla ricerca e dall’arte di W.Kandinsky:

“Il colore è un mezzo per esercitare un influsso diretto sull’Anima. Il colore è il tasto. L’occhio è il martelletto. L’Anima è un pianoforte con molte corde. L’artista è la mano che con questo o quel tasto porta l’anima a vibrare.”

Il colore comunica e più si da spessore a questa valenza nella scelta di un colore rispetto ad un altro e più si svilupperanno messaggi efficaci, ricordandoci che esso ha un diverso effetto a seconda del contesto in cui viene inserito (contesto che riguarda anche il Paese, le tradizioni, ecc.) e del supporto ove viene collocato.

 

Il rosso è un colore che contiene fin dall’antichità forti ambiguità: il sacro e il profano; passione ed amore ma allo stesso tempo anche violenza e peccato.Esercita da sempre grande fascino ma viene utilizzato in pubblicità con molta attenzione: esempi molto noti riguardano il red passion di Campari, il colore istituzionali del logo della Ferrari e la brand identity di Vodafone.

 

Il blu è il colore della profondità (basti guardare il cielo e il mare), il principio femminile in Oriente e la fedeltà,la verità e  la costanza in Occidente (il Dio dei cristiani ha la luce azzurra e la Vergine indossa un velo blu).  Secondo la psicologia, essendo un colore freddo, il blu infonde calma, pensiero riflessivo ed energia mentale. In ambito commerciale si utilizza questo colore per promuovere i prodotti e i servizi legati alla pulizia e alla salute o per quelli che attingono all’aria e al cielo o all’acqua e al mare. Tra i nostri lavori possiamo infatti citare il progetto Aquae per Coldiretti Veneto, in cui è stato promosso uno studio per il bilancio idrico regionale.

 

 Il verde è da sempre considerato un colore che favorisce la riflessione e la calma e secondo gli psicologi esprime stabilità, tenacia, autostima e valori forti.  Grazie alla cultura islamica viene associato alla natura, diventando il simbolo dell’ecologia e della pulizia. In pubblicità è utilizzato in relazione all’ecologia, ai prodotti medici come simbolo di sicurezza. Per citare un brand leader nella comunicazione ricordiamo United Colors of Benetton mentre tra i nostri lavori troviamo l’immagine coordinata di Vivai Bacchetto.

 

Il giallo nell’antichità è stato associato a concetti negativi come quello della malattia, della pazzia e della menzogna. Con il XX secolo riacquista potere e forza espressiva richiamando il sole e quindi un movimento di espansione che per gli psicologi riconduce al nuovo, al cambiamento, alla vivacità e alla liberazione. Si può utilizzare in pubblicità per promuovere i prodotti destinati ai bambini, relativi alla dimensione del gioco in Occidente. In Oriente invece è considerato un colore prezioso, fortunato simbolo degli imperatori. Recentemente, proprio per questo motivo, abbiamo realizzato il sito per Turatti Pacific considerando e evidenziando il valore di questo colore.

 

Oggi il rivale del giallo è l’arancione, ritenuto il colore dell’energia dei giovani poichè simboleggia il sole nascente, la giocosità della vita e la sua dinamicità. Vibrante e accogliente, l’arancione è il colore della crescita e della gioia comprendendo gli aspetti forti del giallo e il calore del rosso.  La sua valenza positiva  lo rende in voga per i siti web, come il nostro,  e in pubblicità per i prodotti alimentari e i giocattoli.

 

Il viola unisce la stabilità dell’azzurro e l’energia del rosso: è spesso associato alla saggezza, alla creatività, al mistero e alla magia. Essendo molto raro in natura , evoca sensibilità romantica e nostalgica. Oggi viene utilizzato in contesti differenti: dalle auto al fashion, dall’arredamento alla cucina. Un esempio celebre è Milka mentre noi l’abbiamo utilizzato per Bioenologia.

 

 

Il rosa è sinonimo di amore, dolcezza e delicatezza grazie alla simbologia che riconduce al ventre materno. In pubblicità viene utilizzato per cosmetici e profumi ma spesso anche per l’alimentazione grazie alla connotazione di dolcezza.

 

Il bianco è l’origine di tutti i colori, simboleggiando di conseguenza la perfezione, la verginità, la fede e la coscienza di sé. La sua purezza e la sua semplicità  lo rendendono adatto ai prodotti hight-tech, alle organizzazioni caritatevoli, ai prodotti medici e agli alimenti light. In Oriente la concezione di questa tonalità è del tutto differente poiché rimanda alla morte e alla sterilità.

 

Il grigio, come colore neutro, è il colore della materia grigia e quindi dell’intelligenza, della solidità e della modernità. Considerato elegante e sobrio è spesso utilizzato per far risaltare gli altri colori e in pubblicità è legato al settore delle automobili.

 

 

Infine, per concludere questa carrellata, citiamo il nero, considerato il “non colore”, che denota resistenza e autorità, potere ed eleganza. In pubblicità è un colore che sta emergendo negli ultimi decenni grazie all’attribuzione di potere e raffinatezza che sottolinea.

 

 

 

 

 

Recent Posts

Start typing and press Enter to search

ipsofactory_email_marketing