Il colore dell’anno 2019 scelto da Pantone si chiama Living Coral, ed è una scelta che rappresenta una speranza per il futuro, un affidarsi alla natura e alla sua tutela, contro le minacce del cambiamento climatico e dell’inquinamento causato dall’uomo. Il Pantone 16-1546 Living Coral, corallo vivente, è semplicemente un color corallo tra il rosa e il pesca, impreziosito da leggere tonalità dorate che lo rendono più chiaro e brillante del classico punto di rosso tropicale. Positività, gioia e vitalità, sono le caratteristiche di questo colore, che infonde sicurezza e fiducia nel futuro, come un bel tramonto estivo, che introduce una notte stellata e festosa.

Molto usato e appariscente sui social, universale nel make up e nella moda, retrò ma coinvolgente e giovanile, mentre le barriere coralline stanno morendo ovunque nel nostro pianeta, il bisogno e la voglia di affidarsi a un colore vivo e naturale, ispirato dall’estetica di organismi in via di estinzione, significa dare valore all’ambiente e alle sue diversità e ricchezze viventi, visibili e invisibili.

Esperienze autentiche, umanità e realtà, naturalezza e conforto, gioco ed eleganza, leggerezza e profondità, si riequilibrano nel Pantone Living Coral, nonostante il potere sempre più grande e diffuso del mondo digitale su quello analogico. Il digitale infatti unisce e avvicina, ma anche disumanizza e raffredda i rapporti umani, proprio grazie e a causa dei suoi link, che scollegano i corpi dal toccarsi, le voci dall’ascoltarsi e gli occhi dal guardarsi, slegando l’esperienza fisica da quella virtuale, in un’iperconnessione sconnessa e solitaria, piena di mondi possibili, ma intangibili.

Sperando che il colore del 2020 non sia un Dying Coral, l’ottimismo attivo di Pantone è d’obbligo: per un futuro più vivo, sostenibile, ecologico e rispettoso degli equilibri naturali, di cui facciamo ancora parte tutti.

 

Post suggeriti

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca